Magazine

Diabete e ipertensione: l’importanza degli alimenti vegetali

Seleziona un argomento

Fonte: Articolo pubblicato da Top Salute - Autore: Dott. Roberto Volpe, ricercatore del CNR di Roma

bollinoNegli ultimi anni si è osservato un aumento dei casi di diabete e di ipertensione arteriosa nella popolazione.

Le cause principali di questo fenomeno sono sicuramente l’invecchiamento della popolazione, ma, anche e soprattutto, un’alimentazione eccessiva in quantità e non corretta dal punto di vista nutrizionale che, insieme a un regime di vita sempre più sedentario, hanno determinato un aumento della prevalenza dell’obesità, patologia che spesso comporta un aumentato rischio proprio di diabete e ipertensione.

Per fortuna, però, un adeguato intervento nutrizionale, associato ad aumento dell’attività fisica, può prevenire o attenuare questi importanti fattori di rischio cardiovascolare.

Tra le misure dietetiche che vanno adottate, è fondamentale, oltre alla sempre auspicabile riduzione dell’apporto di grassi saturi e trans, del sale e dell’alcool, aumentare il consumo di cereali, di pesce, di legumi (sia di quelli “classici” che dei cibi a base di soia), di verdura, di frutta fresca (e anche di quella secca, ma con moderazione nelle quantità per l’alto apporto calorico che la caratterizza) e di usare come condimento gli oli ad alto contenuto in acidi grassi monoinsaturi (come l’olio extravergine di oliva) e polinsaturi (come, ad esempio, l’olio di arachidi, di mais, di soia).

Il beneficio sui principali fattori di rischio cardiovascolare (ipercolesterolemia, diabete, ipertensione arteriosa) che deriva da questa alimentazione, che a ben ragione possiamo definire corretta e salutistica, può essere rapportato non solo al miglior controllo della colesterolemia, ma anche al basso indice glicemico dei carboidrati presenti nei cibi ad alto contenuto in fibre, come i cereali integrali, i legumi e con essi la soia, le verdure e la frutta fresca.

Le fibre, tra l’altro, favoriscono anche il senso di sazietà e presentano un ridotto apporto calorico, per cui appaiono fondamentali nel trattamento non farmacologico non solo del diabete, ma anche dell’obesità.

Si è visto, inoltre, che nel paziente iperteso, un’alimentazione mediterranea che contempli anche una certa quota di soia, possa ridurre i valori di pressione arteriosa di 2-5 mmHg, riduzione apparentemente minima ma che invece è in grado di abbassare di oltre il 7% il rischio di infarto e di oltre il 10% il rischio di ictus cerebrale.

Pertanto, rimpiazzare i cibi ricchi in grassi saturi e colesterolo o con alto indice glicemico e/o salati con i prodotti su citati può avere un’importante e ben documentata ricaduta favorevole sull’incidenza di diabete ed ipertensione arteriosa e, in definitiva, sul rischio cardiovascolare.

pdf

Seleziona un argomento

Scopri le nuove alternative al formaggio Valsoia

Concorso valido dal 01/09/18 al 28/01/19. Estrazione finale entro il 31/03/2019.
Montepremi 16.500 € (IVA inclusa) Regolamento completo su www.siavalsoiaevinci.it

X Partecipa subito su www.siavalsoiaevinci.it