Magazine

Melanzana

Seleziona un argomento

Fonte: Articolo pubblicato da Valsoia
Proprietà nutrizionali:

La melanzana è ricca di acqua e contiene pochi zuccheri, ha proprietà depurative e diuretiche, stimola l'attività del fegato ed è consigliata nelle diete per abbassare il colesterolo nel sangue.
Le melanzane forniscono vitamine, soprattutto dei gruppi A e C, sali minerali e poche calorie: 15 g per 100 g.

Consigli:

Ovali, oblunghe o tonde, viola scuro, violette o bianche: le melanzane, con il loro sapore rinfrescante e gradevolmente amarognolo, si prestano a tantissimi tipi di utilizzo. In generale quelle rotonde sono perfette se cotte a fette, quelle allungate per fare dadolate o per farle ripiene. Prima di acquistarle fare attenzione: al picciolo, che deve essere ancora attaccato, di colore verde e senza parti secche; alla buccia, che deve apparire priva di ammaccature o parti nere e ammuffite; alla superficie, che deve essere liscia e tesa; alla polpa, che deve essere ben soda. Inoltre, la presenza di una protuberanza alla base della melanzana, indica che la polpa è compatta e con pochi semi. Conservate in frigorifero, nel reparto delle verdure, si mantengono fresche per 4 giorni: è consigliabile non togliere il picciolo, in questo modo manterranno più a lungo la loro freschezza. Le melanzane possono essere congelate anche a fette, dopo essere state sbollentate, oppure conservate sott'olio: in questo caso sbollentare le fette in acqua e aceto, metterle ad asciugare e riporle in barattoli di vetro con spicchi di aglio, pepe, origano e olio.

Varietà:

Fra le varietà più diffuse ricordiamo: la Violetta lunga palermitana, di colore viola scuro e a frutto allungato; la Violetta lunga delle cascine con frutto violetto; la Violetta di Napoli, caratterizzata da un sapore più piccante rispetto alle altre; la Violetta nana, una specie a frutto piccolo; la melanzana di Murcia, con foglie e fusto spinosi, dal frutto violetto, rotondo; la Gigante di New York, con frutto violetto enorme; la Tonda comune di Firenze, di colore violetto pallido ibrido, con pochi semi, polpa tenera e compatta; la Black Beauty, con la buccia di un viola molto scuro; la Larga Morada, di colore rosato e con striature viola, dal gusto molto delicato. Solitamente si distinguono per la forma che può essere allungata, come nella Violetta di Napoli; rotonda, come nella Violetta di Firenze; oppure ovale, come nella Black Beauty.

Storia:

La melanzana proviene dall'India, dove nasceva spontaneamente già quattromila anni fa e dove fin da quest'epoca veniva consumata conservata in salamoia e arricchita con spezie piccanti. Ortaggio sconosciuto ai Greci e ai Romani, la melanzana approdò in Sicilia intorno al 1300 ad opera degli Arabi che già da qualche secolo ne avevano scoperto le preziose virtù alimentari. A partire dal 1440 si diffuse anche in tutto l'Occidente e quindi in Europa, ad opera di alcuni Carmelitani. Nel 1550 venne citata nel Trattato della coltura degli orti e giardini scritto dal naturalista italiano Soderini. Questa verdura per molto tempo non riscosse alcun successo, si riteneva addirittura che potesse provocare la pazzia.

pdf

Seleziona un argomento

Scopri le nuove alternative al formaggio Valsoia

Concorso valido dal 01/09/18 al 28/01/19. Estrazione finale entro il 31/03/2019.
Montepremi 16.500 € (IVA inclusa) Regolamento completo su www.siavalsoiaevinci.it

X Partecipa subito su www.siavalsoiaevinci.it